Il nome Gallia è strettamente legato alla storia dell’ospitalità alberghiera Italiana.

Carlo Gallia, è il capostipite. Si innamora della storia di Cesar Ritz ed alla fine dell’800 all’età di 17 anni lascia la famiglia per apprendere quella che allora era definita "l’arte del forestiere" e rimane all’estero per i successivi 15 anni. Lavorò in diversi stati europei alternando località turistiche a metropoli (Londra, Parigi, Berlino, Lucerna, Montecarlo, St. Moritz...).

Hotel Gallia Famiglia GalliaAffermatosi nella Sua professione crea a Milano l’Hotel Excelsior Gallia ed il Grand Hotel Continental.
L’hotellerie di lusso era diventata il centro della vita dell’alta società e la famiglia Gallia era attenta ospite di diverse situazioni che sono rimaste nella memoria e nella storia d’Italia.

Negli alberghi di questa famiglia si svolgevano gli eventi più mondani dell’epoca, soggiornavano grandi artisti impegnati in esibizioni nel vicino Teatro alla Scala come Rubinstein o pionieri come Umberto Nobile e gli altri componenti della famosa spedizione del dirigibile "Italia" al Polo Nord.

La famiglia Gallia era anche attenta all’evolversi delle necessità di chi doveva viaggiare per lavoro, e fu protagonista di importanti innovazioni del settore turistico, così, per esempio, l’Hotel Continentale fu il primo albergo all’epoca "ad essere completamente illuminato con luce elettrica sistema Edison (grazie ad un gruppo elettrogeno interno) e provvisto di un ascensore idraulico Stigler".

Qui venivano anche preparati i pasti per i primi aerei che servivano la "nuova" rotta Milano Brindisi (Idrovolanti) dando così vita ad uno dei primi esempi di catering aeronautico (1931). 

La qualità dell’ospitalità della famiglia Gallia oggi giunta alla 4° generazione continua intatta e sempre rinnovata negli esclusivi Hotel Cavour a Milano, Gallia Palace Hotel a Punta Ala e Lantana Hotel&Residence a Pula

Gallery